28 novembre 2012

La diversità

Mio figlio è diverso.

Un bimbo che nasce e cresce con genitori separati è diverso.
E' diverso dall'amichetto che sta crescendo all'interno dell'amore tra mamma e papà.
E' un bambino che a 7 anni ha già provato alcuni tipi di sofferenze.
Ma è un bambino che ha la sua serenità....nonostante tutto.
E' un bambino come tanti altri. E'diverso perché ha vissuto delle esperienze non comuni, ma è pur sempre un bambino. E non sgranate gli occhi, non mortificatelo con il vostro imbarazzo, non sussurrate "uh poverino"....non lo fate sentire....di un altro mondo.
NO, mio figlio non è "uh poverino"....come leggi negli occhi delle persone quando dici che sei separata, che, chi sta accanto a te, non è il papà di tuo figlio.


Perché se mio figlio ha mal di pancia è sicuramente di quelli nervosi?
Perché se mio figlio è nervoso non può avere la febbre?
Perché se mio figlio ha la febbre deve essere stressato?
Perché ogni cosa che ha mio figlio deve essere legata alla sua situazione familiare?
Perché mio figlio non può essere felice e sereno come tutti i bambini?

Si, mio figlio è diverso.
Ogni bambino è diverso dall'altro.
Ogni essere umano è diverso dall'altro.

Ma le differenze rendono unici.

La diversità non deve allontanare.
La diversità deve unire.

Eppure la diversità ci imbarazza, ci fa sentire inadeguati, perché di fronte ad essa non sappiamo come comportarci, ci sentiamo impreparati, inadatti a viverla con naturalezza.

La diversità non deve far paura.

Nella diversità dovrebbe nascere la voglia di confrontarsi, il desiderio di scoprire realtà diverse.
Dalla diversità dovremmo apprendere, crescere, arricchirci come persone.

Oggi la diversità sta creando dei mostri nell'immaginario dei più, la diversità viene derisa, sottovalutata e soprattutto non viene accettata e capita.
Mi riferisco, ad esempio, al ragazzo di 15 che si è suicidato e vi invito a leggere questo post (Non si può morire a 15 di omofobia che dovrebbe farci riflettere.
Mi riferisco ai casi di dislessia nei bambini che vengono considerati dai compagni e spesso dagli insegnanti come "invenzioni" per non studiare.
Mi riferisco a chi viene da un altro paese...
Mi riferisco ai bambini affetti da epilessia....e potrei continuare....

E allora oggi voglio dar vita ad una rubrica denominata "Diversamente uguali".....affinché le differenze non spaventino più.

Voglio ospitare chiunque voglia condividere qui....su questo blog....la propria esperienza affinché le diversità che tanto spaventano possano essere conosciute per quello che realmente sono: tratti distintivi, peculiarità....e non inferiorità.

Ricordiamoci che siamo tutti diversi, perché siamo tutti unici

Moonlitgirl

24 commenti:

  1. meno male che siamo tutti diversi! la diversità è ricchezza! balla la tua iniziativa!

    RispondiElimina
  2. bella questa iniziativa... la diversità è la ricchezza dell'individuo, assurdo che non solo ciò non sia compreso, ma anche che spaventi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio perché spaventa che poi, secondo me, nasce l'emarginazione...Tenersi lontani da ciò di cui si ha paura potrebbe anche essere corretto...ma non se questa paura nasce semplicemente da ignoranza, da non conoscenza della realtà.

      Elimina
  3. Tu sai già che potrai contare sulla nostra collaborazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente si!!
      E tu sei la mia prima ospite!!!

      Elimina
  4. Come è vero ciò che scrivi! Comprendo ogni parola e mi auguro davvero che la mentalità arretrata e chiusa di tanti possa evolversi in apertura e civiltà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che tu lo sai!!! Mi auguro anche io la stessa cosa...

      Elimina
    2. Perché non trovo la tua email??? Mi scrivi a friendonthemoon@gmail.com
      A presto

      Elimina
  5. Bellissimo questo post!
    Concordo pienamente: ho sempre pensato che la diversità sia ricchezza. Purtroppo la mentalità di questo paese è ancora molto ma molto arretrata. Si preferisce far finta che...piuttosto che chiamare la realtà con il proprio nome.
    Ho progettato e condotto per anni un laboratorio teatrale di integrazione per utenti misti - diversamente abili e persone comuni - e ne sono uscita immensamente arricchita! Poi il teatro è un mezzo incredibile per mettere tutti sullo stesso piano...tutti senza brache!
    Un abbraccio,
    a presto!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello!!! Hai scritto qualche post sulla tua esperienza?

      Elimina
    2. Ho scritto una relazione che ho presentato in un piccolo convegno!
      :-)

      Elimina
  6. Non sono nemmeno arrivata nel tuo blog che subito mi ha colpito questo post. Sai mi tocca nel pieno! Concordo con tutto ciò che hai detto purtroppo ci si scontra ancora con tanta ignoranza, con stupidi luoghi comuni. Io ho un meraviglioso bimbo con sindrome di down che io definisco il mio più bel capolavoro!
    Di seguito la mia storia e grazie per questo spazio! Il tuo blog è magnifico

    http://www.coloridellamore.blogspot.it/p/la-mia-storia.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille e benvenuta!!!!!
      Mi piace tanto il nome del tuo blog. Vengo a trovarti!!! Tu sentiti libera di raccontarci la tua esperienza, se ti fa piacere.
      Ed credo che ogni bimbo sia un capolavoro!!!! Bello il termine che hai usato.
      A presto!!!!

      Elimina
  7. Ciao.. bellissima iniziativa, ci penso e ti scrivo!

    RispondiElimina
  8. Un tema che mi piace molto. Io ne ho parlato qui:
    http://prioritaepassioni.blogspot.it/2012/09/educare-alla-diversita.html

    Ma in realtà ne parlo spesso ogni occasione è buona per insegnare ai nostri figli...

    RispondiElimina
  9. Ciao! Avevo letto questo pst mesi fa, ed oggi mi è tornato in mente, alla luce della nostra nuova situazione familiare. Ora che sono vedova, anche io ed i miei bimbi siamo spesso guardati come: "Oh, i poverini!". Ma noi non ci sentiamo così, ed il peso già enorme di questa situazione non può e non deve aggravarsi ulteriormente per la considerazione pietistica e melensa della gente. La diversità, l'unicità ed i talenti di ognuno di noi sono un bene prezioso ed immenso, da far fruttare in ogni aspetto e situazione della vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace per la tua situazione. Immagino quanto sia difficile per te e per i bimbi...e certo che non c'è bisogno di sguardi pietosi, ma solo di tanto incoraggiamento. Ogni situazione può essere affrontata e renderci più forti.
      In bocca al lupo per il tuo nuovo percorso. E non sai che piacere sapere che sei ritornata qui a leggere un post letto tempo fa...

      Un abbraccio forte forte

      Elimina
  10. Bello Moonlitgirl e complimenti per l'iniziativa :-)

    RispondiElimina

Grazie!!! Il tuo passaggio sulla Luna è stato registrato!!!

Moonlitgirl