24 febbraio 2012



Le madri non sbagliano mai
di Giovanni Bollea

Il titolo è tutto un programma vero??

Che il titolo, però, non inganni: il libro ovviamente non è ad uso esclusivo delle mamme perché le informazioni fornite sono indirizzate anche al papà che, come sottolinea ripetutamente l'autore, ha un ruolo altrettanto fondamentale nello sviluppo e nella crescita di un bimbo.


L'autore, neuropsichiatra infantile di fama internazionale, vuole dimostrare che fare il genitore "è bello e molto facile". Come? Lo dice lui stesso fornendoci anche gli strumenti: con informazioni di carattere generale sulle diverse fasi di sviluppo del bambino e sulle sue esigenze primarie unite alla volontà di andargli incontro assicurandogli sempre la nostra presenza e il nostro sostegno.
In sintesi unendo istinto-cultura-tradizione....le madri non sbagliano mai!!!

Il libro ci offre un bellissimo viaggio nel mondo infantile, illustrandoci in maniera semplice e chiara, per ciascuna fase dello sviluppo di un bambino, gli aspetti salienti da tenere in considerazione. Ci spiega l'importanza della figura materna e di quella paterna cosi come le differenze tra le due e come ciascuna di esse influisca sullo sviluppo e sulla crescita di un bambino.

La ricetta da seguire è molto semplice: amore, esempio e ascolto. Questi sono i tre ingredienti per essere genitori felici ed assicurare una crescita sana ai nostri bimbi.

Nonostante l'anno di pubblicazione non sia recente, ovvero il 1995, penso che il libro sia tutt'ora valido nei suoi insegnamenti.

Da non trascurare infine le appendici che trattano argomenti importanti quali lo sviluppo e le problematiche sessuali in età evolutiva e i rischi della separazione familiare.

Buona lettura

Moonlitgirl

Questo post partecipa al Venerdi del libro di Homemademamma  

27 commenti:

  1. Non posso parlare per esperienza diretta: posso solo dire che la maggior parte dei genitori che conosco concorderebbe sulla prima (bello) ma non sulla seconda parte (facile). Potrei provare a regalare loro il libro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fare il genitore non è mai facile...le preoccupazioni sono tante...ma Bollea ci ricorda che soprattutto l'ascolto può facilitare la costruzione del rapporto genitore-figlio. Ai tempi di oggi in cui siamo sempre tutti trafelati, in corsa perenne....a volte forse ci dimentichiamo (per mancanza di tempo, stanchezza...) che il dialogo e l'ascolto sono fondamentali.

      Elimina
  2. Bollea mi è sempre sembrato di una sensibilità profonda e raffinata, immagino che la scelta di questo titolo ne sia una testimonianza indiretta... Jessica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, figurati che l'ho letto sette anni fa....alla prima gravidanza...ed ora che sono alla seconda ho deciso di rileggerlo. E da mamma con un pò di esperienza lo apprezzi di più perché certe dinamiche nei comportamenti dei bambini descritte da Bollea ti sono già note

      Elimina
  3. Anche io l'ho letto, e anche a me è piaciuto (anche se in alcuni punti è un pò troppo "tecnico") e penso sia molto importate che qualcuno ci ricordi ogni tanto, cose scontate come appunto l'amore l'esempio, l'ascolto e il rispetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho apprezzato lo stesso messaggio!!

      Elimina
  4. Ne ho sentito parlare ma ancora non l'ho letto.

    RispondiElimina
  5. Io ho fatto proprio una riflessione sul contrario che non sempre siamo perfetti e che fare il genitore non è affatto facile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si sono d'accordo che non sia affatto facile....ma sono convinta che il dialogo e l'ascolto ci permettano di costruire un rapporto meraviglioso con i nostri figli. Certo dipende anche dall'età dei bimbi. Mio figlio ad esempio ha 7 anni e parliamo molto tra noi.
      Ovviamente ci vuole anche tanta pazienza!!!!
      Devo andare in libreria a comprare un libro interessante, una sorta di guida per i genitori....nelle prossime settimane lo posterò. Seguimi!!

      Elimina
  6. Letto e apprezzato, hai fatto bene a ricordare questo classico!
    P. S. Per favore togli la parola di verifica captcha, blogger l'ha trasformata in un miscuglio incomprensibile di lettere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma la parola di verifica non cambia ogni volta??

      Elimina
  7. Mi hai convinta! Domani passo in libreria a comprarlo, i consigli non sono mai troppi quando si hanno due figli.
    Passa da me a vedere la mia proposta.... molto più frivola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si...molto più frivola ma interessante. Sono porprio curiosa di scoprire quali sono questi 7 capi basic....lo prendo!!!!

      Grazie per il consiglio

      Elimina
  8. Ce l'ho, l'ho acquistato 4 anni fa, ma è finito in fondo a un mucchio di libri in attesa, poi in seconda file, poi dimenticato... L'avevo iniziato ma "non partiva". Mi fai venire voglia di riprenderlo in mano.
    ciao!

    sì, il capcha cambia, ma ultimamente è diventato doppio. Anche io l'ho tolto e per il momento non è successo niente di grave... :) ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo tolgo allora!! Grazie per il suggerimento!!!

      Elimina
  9. Molto interessante, grazie per il suggerimento!!

    RispondiElimina
  10. L'ho visto sullo scaffale in biblioteca. Non sono molto amante di questi libri di pedagogia non per l'argomento ma perchè la mia formazione scientifica mi porta a fare una fatica bestia a seguire i discorsi spesso un po' contorti dei "letterati". Magari in qualche periodo più propenso alla concentrazione potrei iniziare a leggerlo.
    Sui codici captcha (e a come non li ami) ho appena scritto un post, se interessa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà io l'ho trovato "pesante" e i consigli offerti sono più banali di quello che si pensa...è che a volte si cercano strade più complicate quando quella più semplice è la migliore.

      Moonlitgirl

      PS: post sui codici captcha??? Lo leggerò....visto che neanche sapevo si chiamassero cosi!!!!

      Elimina
  11. Me l'hanno regalato, ma non l'ho mai "voluto" leggere, forse più per un pregiudizio verso chi me l'ha regalato che per il libro in se stesso.

    Magari ora ci ripenso;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se riesci a vincere il pregiudizio....non te ne pentirai!!!! Considera che a me lo regalò la mia ex...suocera!!!!

      Elimina
  12. Che confusione... non avevo notato che l'avete recensito in due questa settimana: http://aggiungiunpostoatavola-elisa69.blogspot.com/2012/02/il-venerdi-del-libro-le-madri-non.html

    allora deve essere proprio interessante... grazie

    RispondiElimina
  13. scusa ho dimenticato di scrivere un pezzo... ricuci tu

    ... ho fatto confusione e non trovavo il mio commento, che invece avevo lasciato nel blog di aggiungiunpostoatavola... con la maternità mi si sono bruciati un po' di neuroni... il tempo passa, ma non si riformano:(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi auguro che si riformino....visto che anche io sono in dolce attesa!!!!

      Elimina
  14. Anche io non posso parlare per esperienza diretta, ma sicuramente essere genitore non è una cosa tanto facile, anche se molto bella, come dice 'povna. Se il libro dà un po' di dritte, penso che non guastino mai! :)
    Buona dolce attesa! :)

    RispondiElimina
  15. oggi me lo andrò a comprare!!
    ne sento la necessità! cominciano a esserci un po' di screzi tra me e il mio fiorellino ottenne....

    io ringrazio il consiglio di questo libro e rilancio con
    I NO CHE AIUTANO A CRESCERE di Asha Phillips

    ecco di cosa parla (copiato e incollato) dal sito Feltrinelli
    Spesso dire di no è molto difficile, ma il rifiuto è in realtà parte fondamentale delle relazioni tra genitori e figli. Il libro si rivolge, sia per il tipo di scrittura utilizzato, sia per la casistica scelta per illustrare le diverse tappe evolutive dell'età infantile, al più vasto pubblico di genitori e psicoterapeuti. Ogni capitolo prende in esame una determinata fascia d'età che individua le possibili situazioni in cui "dire no" provoca un significativo cambiamento positivo nello sviluppo della personalità infantile, evitando al bambino di infilarsi in una dinamica autocentrata e "onnipotente".

    lo rispolvererò e gli darò una rilettura molto presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io lo sto rileggendo...ne parlerò tra qualche settimana. Trovo che leggere questi libri quando hai esperienza con i bambini sia utilissimo.

      Prova a leggere anche il libro sull'intelligenza emotiva...dovrebbe aiutarti a superare gli screzi!

      Moonlitgirl

      Elimina

Grazie!!! Il tuo passaggio sulla Luna è stato registrato!!!

Moonlitgirl